Puglia porto internazionale

La Puglia, una delle regioni del sud Italia, confina con le regioni del Molise, della Campania e della Basilicata, il cosiddetto tacco dello stivale è una regione italiana a statuto ordinario dell’Italia meridionale ed è bagnata da mar Adriatico ad est, invece a sud dal Mar Ionio.
Il clima in tutta la puglia è tipicamente mediterraneo, sulle zone costiere e pianeggianti ci si può godere di un estate calda, ventilata ma secca ed inverni miti, le precipitazioni, invece, sono perlopiù presenti tra la stagione autunnale e quella invernale, però sono scarse nelle zone pianeggianti, mentre sull’altopiano sono frequenti le nevicate in caso di venti freddi provenienti da est. Proprio per questi cambiamenti estremi, le escursioni tra estate ed inverno sono notevoli soprattutto nelle pianure interne.
La regione pugliese, terra ricca di frutti e luoghi storici e turistici è divisa dalle provincie di Bari, Barletta – Andria – Trani, Foggia, Lecce, Taranto e Brindisi una delle città più belle della Puglia.


Brindisi è il centro più importante del Salento dell’Italia meridionale,  la città ha avuto un ruolo molto importante già storicamente nel ambito del commercio e della cultura, dovuto alla sua privilegiata posizione verso l’Oriente e soprattutto al suo porto naturale ancora esistente ed in funzione affacciato sul Mar Adriatico. Il porto della città è un porto naturale perché sorge in un insenatura che si incunea profondamente nella costa adriatica della Puglia, all’interno del porto vi sono le piccole isole Pedagne, un minuscolo arcipelago attualmente non visitabile perché utilizzato solo per scopi militari visto che vi è presente una caserma di addestramento del 1° regimento San Marco della Marina Militare.
La città ha un territorio principalmente pianeggiante caratteristico quindi di un elevata tendenza all’agricoltura da parte dei cittadini. Poco distante dalla città vi è la Riserva Marina Naturale del WWF di Torre Guaceto, un’area quasi rettangolare situata sulla costa, formata da spiagge, dune e macchie mediterranee , la flora presente nell’area è caratterizzata da steppe saltate mediterranee a Limonium, un genere di piante della famiglia delle plubaginacee, e da dune costiere con juniperus o più comunemente chiamate piante di ginepro. Invece la fauna è caratterizzata da molte specie di diverse dimensioni e abitudini, quelli più difficili da individuare sono i piccoli mammiferi come la donnola, la faina e il tasso che essendo animali notturni, durante il giorno sono al riparo nelle loro tane scavate nel terreno, invece i mammiferi diurni, come la lepre, la volpe ed il riccio sono facilmente avvistabili, poi vi sono molti rettili che soprattutto nel periodo estivo escono dalle loro tane per riscaldarsi al sole, uccelli come le rondini, stazionano nella riserva durante i periodi di migrazione ed infine numerosi anche i rapaci come il falco di palude, che domina dall’alto con la sua maestosità tutta la riserva.